Asparagi sott’aceto

IMG_3651

Con gli asparagi è già da una ventina di giorni che lavoriamo ma quando c’è ne portano parecchi, oltre a tagliarli a rondelle per crespelle o risotti, ne metto via anche un po’ sott’olio o, come in questo caso, sott’aceto.

La ricetta non è difficile e questo prodotto lo si può gustare anche tra qualche mesetto. Come inizio ovviamente bisogna lavare e pulire gli asparagi pelandoli con l’aiuto di un pelapatate da 2/3 centimetri sotto la punta per poi scorrere la lama fino alla fine. Si taglia la parte finale che è un po’ più dura ed amarognola quindi si immergono in acqua bollente salata per circa 6-8 minuti (dipende dalla grandezza) in modo che non siano stracotti e che restino croccanti. Una volta pronti, si stendono in un canovaccio pulito per farli ben asciugare e successivamente si invasano con la punta verso l’alto. A parte faccio bollire dell’aceto con all’interno una foglia d’alloro, qualche grano di pepe e qualche rametto di timo (la scelta delle spezie ed erbe è a vostro piacere). Una volta raggiunto il bollore tolgo il liquido dal fuoco, filtro dalle erbe, ed inizio a riempire i vasetti. Dopo qualche minuto controllo se il livello dell’aceto è sceso ed in tal caso rabbocco ancora. Chiudo molto bene e conservo i vasetti in un luogo aciutto e buio. Tra un mesetto si possono iniziare ad aprire

Aggiungi un commento