13 novembre 2013 - pesce, piatti tipici, primi piatti    Commenta

Risotto con pesto di rucola e seppie alla veneziana

Le seppie alla veneziana sono un piatto a mio parere eccezionale che ho imparato ancora ai tempi del Gritti di Venezia e parliamo di ormai, ahimè, 23 anni fa. Il colore di questo piatto forse non è molto invitante ma non abbiate paura nell’assaggiarlo perché una volta provato, magari con la polenta, vi piacerà. Questa volta però l’ho voluto abbinare ad un risotto che ho preparato con il pesto di rucola.

Partiamo per ordine: il pesto di rucola è molto semplice da fare perché basta mettere tutti questi ingredienti all’interno di un bicchiere per poi frullarli con un mixer: 100 gr di rucola, 100 gr di pecorino, 30 gr di pinoli, mezzo bicchiere d’olio extra vergine d’oliva, uno spicchio d’aglio, sale e pepe. Volendo la rucola la potete prima far bollire un minuto in acqua per poi raffreddarla immediatamente in acqua fredda. Facendo così rimarrà ancora più verde. Per le seppie alla veneziana: si prendono le seppie, si puliscono tenendo da parte il sacchettino con il nero, si lavano bene e si tagliano a striscioline. In una padella si scalda un filo d’olio con uno spicchio d’aglio che poi verrà tolto una volta rosolato; si uniscono le seppie e si lasciano cuocere bene per almeno 10-15 minuti. Nel frattempo si diluisce il nero di seppia con mezzo bicchiere di vino bianco e si versa sulle seppie. Si continua la cottura aggiungendo un po’ di brodo ed a piacere qualche cucchiaio di salsa al pomodoro. Raggiunti i 25-30 minuti di cottura, si aggiunge ancora una manciata di prezzemolo tritato e le seppie sono pronte. Si cucina un risotto in maniera classica e a ¾ di cottura si versa il pesto di rucola e dopo averlo mantecato con una noce di burro, si impiatta unendoci sopra una cucchiaiata di seppie alla veneziana.

Aggiungi un commento